1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Luogo: Comune di Casalnuovo di Napoli, periodo maggio 2004.

Quando lo interrogai sulla legittimità della presentazione della richiesta in oggetto il Responsabile presso il Comune di Casalnuovo di Napoli Arch.tto Domenico D'Alise rispose testualmente: Avete ragione, ma noi non possiamo impedire agli utenti di presentare pratiche non procedibili, ci penseranno poi i responsabili a esprimere parere di RINVIO.

In effetti per questa richiesta il parere di RINVIO giunse l'1.09.1994 e il timbro venne apposto su tutti gli atti e grafici della richiesta. sicchè la pratica, da quel momento, doveva considerarsi a tutti gli effetti come non presentata, ma non fu così.

Intanto la S.P.A. Del Vecchio Costruzioni, avvena depositata l'istanza, cononciò ad estrarre da essa le planimetrie ancora non autorizzate (ma che intanto aveva già realizzato,  tentando di aggirare le leggi sulla sanatoria degli abusi facendosi autorizzare la diversa realizzazione degli immobili con una licenza ex novo senza pagare le oblazioni dovute) e le allegò a decine di promesse di compravendita che promittenti acquirenti ignari tella totale abusività degli immobili (oggi definitivamente sancita) sottoscrivevano depositanto laute caparre ed acconti prezzo.

E certo che senza planimetrie adeguate (per cui la presentazione di una richiesta di variante deve attribuirsi a questo) non avrebbero potuto sottoscrivere alcun preliminare, cosa che invece gli consenti in pochi mesi di raccogliere dal mercato circa 2,5 miliardi di lire.

Come dicevamo la pratica ebbe lo stop il 01.09.1994.

Questi i documenti presentati, con in calce il parere di RINVIO.

01 09 1994-1

01 09 1994-2

01 09 1994-3

01 09 1994-4

Dalla relazione della Commissione edilizia si legge: La Commissione Edilizia esaminati i grafici esprime parere di RINVIO in quanto si evidenziato la sostanziale modifica delle opere di urbanizzazione, stravolgendo il principio del piano di lottizzazione come approvato, e infatti è stata eliminata la strada di accesso al Rione Fontana...

Ai sensi della Convenzione del 19.07.1990 tali difformità (già in essere - cosa illegittima - mentre la Commissione ne valutava la eventuale approvazione) erano motivo di sequestro dell'intero cantiere e di fermo dei lavori, ma nessuno se ne accorse. L'abolizione della strada sarà poi motivo di maggior pressione del traffico leggero e pesante su Via Strettola, sulla quale, esistendo già antecedentemente alla lottizzazione delle cave inessporate sotto il mando stradale, si aprì una voragine che causò la morte di 2 netturbini e il ferimento di un'altro. (con lavori di ripristino oggi in corso - 16.07.2014 -a spese del Comune).

La storia non finisce quì, perchè la esistenza in vita della pratica illegittima fu sostenuta da documenti apparentemente regolari, dai quali risulta, che almeno fino a quando la società Del Vecchio Costruzioni depositò inel giugno 1998 l'atto d'obbligo che legava indissolubilmente gli immobili ai posti auto  (tutti realizzati abusivamente), per far sembrare assolto, sebbene con falsità ideologica e materiale, gli obblighi previsti ex legge 122/89 e ritirare, questo l'obbiettivo finale dei costruttori abusivi, la fidejussione inizialmente depositata a favore dell'esatto adempimento delle opere in favore del Comune di Lire 296.410.508 che il Comune avrebbe avuto il dovere di incassare senza potere di veto da parte del responsabile degli abusi edilizi.

Doc. n. 2 - Su questo frontespizio del grafico della planimetria generale è apposto il Trimbro di RINVIO in data 01.09.1994

Grafico-variante-n-40-93-con-RINVIO-01 09 1994

 

Questo documento attesta che anche alcuni tecnici erano di parere che l'istanza per ottenere la Variante n. 40/93 non potesse più essere istruita!

RifiutoUlt esame-prat.-40 93-del-19 12 1996

Ma, nonostante questo ulteriore rifiuto, nel seguito qualcuno fece apparire che la pratica era ancora aperta e che era possibile integrarla per poi conseguirne l'approvazione (ciò mentre il dato era del tutto escluso a monte) e non per il RINVIO apposto dalla Commissione Edilizia dell'1.09.1994:

08 05 1997

Nonostante la disponibilità dei complici, anche stavolta la S.P.A. Del Vecchio travalicò i tempi per la consegna dei documenti, trasportandosi al Giugno del 1998 per depositare l'Atto dobbligo, apparentemente regolare, ma che era il suggello ad illegittimità inanellate l'una dopo l'altra dall'inizio degli iter per farsi approvare la Convenzione del 19.07.1990 dal Consiglio Comunale, mentre l'approvazione sarebbe dovuta passare per gli Uffici dell'Amministrazione della Procincia di Napoli in quanto si trattava di modifica al P.R.G. adottato!

26 06 1998

 

Subito dopo il deposito di questo atto, e lo svincolo da parte della società della fidejussione di 296 milioni e rotti da parte della stessa, la pratica fu definitivamente dichiarata improcedibile.

Il dubbio, anzi la certezza, che la suddetta pratica abbia avuto prima un ruolo per ricavare le planimetrie per ingannare gli acquirenti e poi per svincolare la fidejussione che non avevano diritto di svincolare, complici dipendenti e nominati presso l'Amministrazione Pubblica locale, è suffragato dai documenti quì presentati e dallo svolgimento dei fatti!

Altri iter amministrativi illegittimi intrapresi per tentare di ottenere illegalmente una nuova concessione edilizia senza passsare il vaglio della sanatoria (In realtà la società già sapeva che per gli abusi posti in essere non esisteva condono!

06.04.1990, Delibera illegittima Consiglio Comunale Casalnuovo (NA) n. 48/90

Iter amministrativo illegittimo tentato dalla S.P.A. Del Vecchio Costruzioni presso l'Amministrazione Provinciale di Napoli per ottenere una nuova concessione edilizia mentre costruivano abusivamente!

Condono presentato già in spregio alla legge 724/94, con Oblazioni pagate solo per 1/6 rispetto agli abusi denunciati, e volevano pure il silenzio/assenso!

 

Condividi questa pagina, grazie!

FacebookTwitterDiggDeliciousGoogle BookmarksRedditNewsvineLinkedinRSS FeedPinterest
Pin It

 

Partecipa, esprimi il tuo parere su questa vicenda.

Anche tu Vittima di Malagiustizia? Unisciti a noi! L'unione fa la forza!

banner facciamo due conti

Perché questo sito?

Oltre la necessità di denuncia, spero che diffondere e documentare cosa mi sta accadendo nei Tribunali italiani possa evitare ad altri di diventare vittima dei criminali del giudiziario continua...

Autorità informate

Questa sezione potrei chiamarla "della vergogna nazionale": scopri le autorità che hanno mantenuto il silenzio complice su comportamenti criminali costruttori abusivi, ma anche di professionisti iscritti agli albi, di notai, di avvocati, C.T.U. e magistrati deviati, dal 1990 a oggi.

Media

Questa è la sezione dei coraggiosi! Quì evidenzio articoli e interviste audio/video di giornalisti che hanno sentito il dovere civico di interessarsi al mio caso. Scopri quali media hanno fin'ora supportato le mie denunce. Contattami.

Reati in corso

Omissioni, sviamento, elusione, silenzio, inerzia amministrativa e immobilità giudiziaria sono i reati preferiti dai dipendenti e Amministratori Pubblici, avvocati, C.T.U. e Magistrati, non aiutarli anche tu!